TEXTILES

Invito a Capalbio

Ho presentato qualche giorno fa le opere DROPS, Marine e Coral, che puoi vedere QUI, dedicate alle profondità marine e ai coralli. Da queste opere sono nati anche due nuovi capi del progetto Arte da Indossare, le sciarpe omonime Marine e Coral, perfette per l'estate.

I have already introduced my new artworks DROPS, Marine and Coral, you can see them HERE, dedicated to sea life and corals. They where the starting point to create two new precious creations belonging to the Wearable Art project, the scarves Marine and Coral, a perfect match for a summer vacation.

Quale posto migliore allora per presentare queste opere e sciarpe ispirate al mare se non al Rovida Lab, che già da qualche mese ospita la mia Arte da Indossare? Allora un tuffo nel mare a ferragosto, quest'anno lo faremo insieme, nella splendida cornice di Capalbio e sarà l'occasione giusta per esporre anche altre opere originali. 

So I couldn't find a better place to introduce my new sealife inspired artworks and scarves than the Rovida Lab, which is already displaying my work since a few months. We'll plunge into the bluest mediterranean sea around the lovely Tuscan city of Capalbio, and this will be the right occasion to show other original artworks. 

 

Ringrazio di cuore Laura Rovida per aver accolto il mio lavoro e averlo fatto dialogare con il suo, e per avermi invitata a partecipare a questa giornata di mezza estate, che ormai da anni organizza per celebrare l'estate e dedica alla promozione della collaborazione artistica. 

Laura ed io ti aspettiamo per festeggiare insieme l'estate!

A special thanks from my heart goes to Laura Rovida for inviting me to join her in this midsummer party that she annually hosts to celebrate summer and is meant to foster artistic cooperation. 

Laura and I will be waiting for you to join the party!

APPUNTAMENTO CON L'ARTE al ROVIDA LAB

Giovedì 17 agosto 2017 dalle h 17.00, Capalbio Scalo (Grosseto), Piazza delle Regioni n°7

Mimi Furaha, Firenze

Da questa primavera si è aggiunto alla lista dei punti commerciali una nuova collaborazione, potrai infatti trovare i capi del progetto Arte da Indossare anche da Mimi Furaha, delizioso negozio in Borgo Albizi, nel centro storico di Firenze. 

Springtime is the right moment to add a new place where to find the pieces of my Wearable Art, the shop is Mimi Furaha , it's absolutely lovely and located in Borgo Albizi, in the city centre of Florence.

Come già sai, il progetto Arte da Indossare consiste nel trasportare le opere pittoriche su altri materiali, come morbidi tessuti o leggera carta, per creare capi d'abbigliamento e accessori da potere indossare e tenere così le opere vicino al corpo. Tutto rigorosamente con materiali di ottima qualità e Made in Italy, come ogni capo presente da Mimi Furaha.

As you might already know, the Wearable Art project consists in printing artworks on other materials, like soft textiles or light paper, and create wearable pieces or accessories ti be worn and keep close to the body. Each one with high quality materials and Made in Italy, just like any item you can find at Mimi Furaha's.

Da Mimi Furaha troverai le sciarpe, gli orecchini e gli abiti, che potrai coordinare tra loro e con i bellissimi abiti e accessori scelti con cura da Raffaella e Michelle. Quello che loro propongono è il risultato di una costante ricerca stilistica che garantisca alle clienti moda, originalità, eleganza ed un prodotto interamente Made in Italy.

At Mimi Furaha's you will find the scarves, the earrings and the dresses, and you can have fun to match them together or with the beautiful pieces that Raffaella and Michelle pick for their lovely shop.

Come si legge sul loro sito "Mimi Furaha si esprime attraverso il volto di Michelle e Raffaella, giovani donne le cui radici sono legate all'Africa e alle bellissime terre del Sud Italia. Quello che propongono è il risultato di una costante ricerca che garantisca alle clienti originalità e divertimento."

As you can read in the website "Mimi Furaha is the expression of the personality of Michelle and Raffaella, two young women whose roots come from Africa and the South of Italy. Their work is the result of a constant research aiming to offer their clients originality and fun."

Michelle sostiene infatti che "bellezza oggi è sinonimo di conoscenza, accettazione e valorizzazione di se'. Il colore ha infatti, un ruolo fondamentale nella cura della propria immagine." 

Michelle states that "beauty is a synonim for knowlegde, acceptance and self appreciation. And colour plays a fundamental role in creating one's image".

Interessante conoscere l'origine del nome, spiegata da Michelle: "Ho scelto il nome mimi furaha, “sono felice” in lingua kiswaili, come omaggio alla mia terra, l’Africa. Questo Paese dai colori caldi e dai sapori speziati è stata la casa della mia infanzia: là sono le mie radici. Voglio esprimere la passione per questo continente attraverso colori accesi e tessuti vibranti. Mimi furaha nasce, infatti, dal mio amore per le cose semplici, dalla gioia di intraprendere un nuovo percorso, fatto di bellezza e creatività." 

It's interesting to know the origin of the name, explained by Michelle: "I chose the name mimi furaha, meaning "I'm happy" in Kiswaili language, as a homage to Africa, my homeland. "

Mimi Furaha offre ancora di più, "vuole stabilire un connubio tra bellezza e cultura creando così una zona dedicata interamente a eventi artistici, mostre, spettacoli, conferenze, e gruppi di ascolto. La naturale ubicazione del negozio, le permette infatti di esprimersi al meglio nel suo intento, trovandosi collocato all’interno di palazzo degli Alessandri, palazzo storico fiorentino."

Mimi Furaha offers something more, "creating a link between beauty and culture, with a space entirely dedicated to art events, exhibitions and shows, and that comes natural, being located in the Palazzo degli Alessandri, one of the many Florentine historical buildings."

Sono passata questa mattina in negozio, dove sono rimasta a lungo a scattare un po' di foto, attratta dai bei colori e materiali.

I was there this morning and kept on taking pics of the place, attracted by the beautiful colors and materials. 

Davvero l'ispirazione non manca, con tanti abiti e accessori di qualità, dai tagli ben fatti, colori vibranti o delicati, stampe variopinte e morbida maglieria.

Mi piacciono le scelte di Raffaella e Michelle, e abbinare sciarpe e orecchini ai loro abiti e accessori è stato molto divertente... e che bellezza! 

I love the choices of Raffaella and Michelle, and it was so fun matching my scarves and earrings with their clothes and accessories.

Le sciarpe del progetto Arte da indossare sono frutto della stampa delle opere DROPS su tessuto. Realizzate interamente in Italia con filati di qualità misto modal e cachemere, sono già disponibili in sette colori diversi: GOLD - GIALLO, NIGHT - BLU, STONE - GRIGIO, LEAF -VERDE SCURO, FRUIT - BORDEAUX, GRASS - VERDE PRATO, VIOLET, VIOLETTO. La distribuzione del colore a macchie e sfumature permette di giocare con le tonalità e i disegni.

The scarves of the Wearable Art project are made printing a series of artworks called DROPS on textile. They are entirely made in Italy with high quality yarns, a mixture of modal and cachemere, and seven colors are already available: GOLD - YELLOW, NIGHT - BLUE, STONE - GREY, LEAF - DEEP GREEN, FRUIT - BORDEAUX, GRASS - GREEN, VIOLET, VIOLET. The colours are distributed in a gradient, giving the opportunity to play with hues and drawings. 

Gli orecchini BOTANICA, leggeri ed anallergici, sono disponibili in tante, coloratissime versioni. Sono infatti la trasposizione su accessorio delle opere omonime pittoriche dedicate alla Natura. Inoltre il packaging in carta bianca, oltre ad esaltarne le tinte, li rende un regalo ideale perché facile da trasportare e con un apposito spazio da usare come bigliettino d'auguri. 

The BOTANICA earings are light and hypoallergenic, and are available in many, colorful hues. They come from the Botanica series, dedicated to Nature. Since they come with a beautiful, flat white packaging, with an included greeting card, they are a perfect gift or souvenir from Florence.

I miniabiti, anch'essi realizzati interamente in Italia con un tessuto 100% cotone, sono una vera e propria tela da indossare, e sono coordinabili con sciarpe e orecchini.

The minidresses, entirely Made in Italy with a 100% cotton yarn, give the sensation of wearing an artwork, and can be matched with the scarves and earrings.

Insomma, mi piace come il mio lavoro si sposa con questo spazio, e potremmo anche pensare ad ulteriori collaborazioni in futuro.

I love the way my work feels in this place, and we could think of creating an event in the future.

Per adesso ti lascio con queste belle immagini, invitandoti a fare una visita in negozio.

But for now I'll leave you with these nice images, inviting you to visit this space. 

Va bene dai, ecco l'ultima!

Here we go with the last pic!

Borgo degli Albizi 35r 50123 - Firenze Tel: 055.2344456

Borgo degli Albizi 35r
50123 - Firenze
Tel: 055.2344456

Via di Mezzo 6

CARTOLINA. EVENTO VIA DI MEZZO FRONTE.jpg

English version below

Ciao! 

Ecco un invito per la tradizionale mostra che faccio quasi sempre a dicembre, quest'anno in uno spazio in centro a Firenze e con un piccolo negozio pop-up temporaneo.

Saranno infatti esposte alcune delle mie opere pittoriche ad acquerello, per l'esattezza quelle che sono state poi utilizzate per il progetto Arte da Indossare, che come sapete comprende orecchini, sciarpe e miniabiti. In questa occasione vi presenterò anche due nuovi colori nuovi per le sciarpe! Ci saranno anche alcune stampe e piccoli piccoli oggetti di cartoleria.

Quest'anno anche un piccolo programma che comincia con un aperitivo di apertura, per iniziare insieme. Prosegue con una mattina dedicata ai bambini, insieme all'editrice di Kalandraka, Lola Barcelo', che vi propone un incontro per leggere e sfogliare gli albi illustrati della collana Libri per Sognare, per bambini da 1 a 99 anni. Si conclude con la presentazione del nuovo calendario per l'anno 2017, e per una di voi in omaggio una copia cartacea! Scorri in basso per sapere come averla.

Inoltre per chi passa a trovarmi cartoline per gli auguri di Natale in omaggio e sconti per le clienti che portano un'amica, insomma, ricchi premi e cotillon. 

Quindi quest'anno per Natale sostieni i progetti creativi indipendenti.
Passa a dare un’occhiata, ti aspetto.

Francesca

RINGRAZIAMENTI

A Lorenza Soldani di Sharepopup e Sarah Amrhein e Anna Rose di Creative People in Florence per la collaborazione nella realizzazione di questa iniziativa. Grazie anche a Kalandraka per l'amichevole partecipazione.

 

BIGLIETTINO NATALIZIO SU SCRIVANIA con scritta.jpg

E' pronto il calendario per il nuovo anno e lo presenterò il 7 dicembre 2016 dalle h17,00 alle h19, 00 in Via di Mezzo 6. Puoi vincerne una copia cartacea se passi a trovarmi, oppure se commenti sotto questo post o sulla mia pagina di Facebook QUI! E se non vinci puoi averlo lo stesso, stamparlo, appenderlo in casa, o inviarlo ai tuoi amici e regalarlo scaricandolo dalla pagina FREE - ovvero QUI - di questo sito, sia in italiano che in inglese! Ovviamente gratis, come sempre.

CALENDARIO QUADRATO SOCIAL ITALIANO.jpg

allora scrivi un commento qui sotto

e ci vediamo IN vIA DI MEZZO

Da giovedi 1 a mercoledi 7 dicembre 2016
Nel negozio di Via di Mezzo 6, vicino a Piazza Sant’Ambrogio, Firenze
Orario di apertura 10-13  15,30-19,30

English version

Hello!
This is an invitation for an event taking place in Florence, if you happen to be in Italy around Christmas!
Still, I am happy to offer you my new calendar, that I will present in Via di Mezzo 6 a Firenze, on December 7th from 5pm to 7pm and on the occasion I will GIVE A PRINTED COPY to one of you!
Like to join? You can either step by in Via di Mezzo 6, or leave a comment on my blog or facebook. Worth a try!
And if you don't win the printed copy, you can still download it on website FOR FREE, as always!

Wishing you a Merry Christmas and a Happy New Year,
Francesca

Source 2016 4th Edition

SOURCE EVENTO (20).JPG

Come ti ho già raccontato in un post precedente, la quarta edizione di Source, self-made design, ha avuto luogo alla fine di Settembre 2016 in un nuovo spazio. Abbiamo lasciato la nostra amata sede della Limonaia di Villa Strozzi per un posto più grande nel centro della città, che meriterà un post a parte in virtù del suo essere così speciale e carico di storia. Se vuoi avere un'idea di cosa è stato, allora guarda questo video dei nostri amici Bloodynose, e leggi questo post, che è un racconto molto personale dell'evento. Clicca su play! 

As already mentioned in a previous post, the fourth edition of Source, self-made design, took place at the end of September 2016 in a completely new location. We left our beloved Limonaia di Villa Strozzi for a larger space in the centre of the city, which is so special that will deserve a dedicated post. If you want to have an idea of what we did, then have a look at this video by our friends Bloodynose, and read this post, which is a very personal view of my experience. Just tap on play now! 

festival evento contenitore

Source è cresciuta sempre di più con le varie edizioni ed è oggi un progetto permanente che porta avanti la sua attività durante tutto l'anno. Ciononostante, l'evento di settembre rimane il momento più importante del nostro lavoro. Appena arrivano i volantini, prendiamo le chiavi dello spazio, presentiamo l'evento alla stampa, il tempo comincia a correre e noi con lui. Ed è già tempo di iniziare. Quest'anno abbiamo potuto contare sull'aiuto degli studenti del Design Campus Firenze, e l'allestimento riproduceva la scritta Source self-made design in Braille.

festival event 

Source has grown more and more with each edition and is now a permanent project carrying on its activity all year round. Still, the event in September still remains the climax of our work. As soon as fliers and posters arrive, have the keys of the location and present the event to the press, things begin to speed up very fast. And it's time to kick off with the festival. 

la mostra

La mostra rimane centrale durante la settimana di Source. Quest'anno sono stati selezionati 80 designer, italiani e stranieri, che hanno presentato il frutto della loro capacità inventiva e professionalità. Infatti, sebbene differissero per forma, materiale, uso, colore, texture e stile, tutti gli oggetti erano autoprodotti e la maggior parte ancora inedita. Per vedere altre foto della mostra e degli oggetti, rimando più in basso alla rassegna stampa. Quest'anno inoltre la mostra si è espansa in tutta la città grazie alla collaborazione con Sharepopup, che ha portato i nostri designer ad esporre in svariati luoghi di Firenze, attivando così nuove connessioni.

the exhibition

The exhibition is central for Source. This year we selected 80 designers, both Italian and international, presenting the fruits of their invention and professionalism. Although different in shape, material, use, color, texture and style, all objects were self-produced, and most them still unreleased. Please go check the press section below for more images of the show and of the objects. Moreover many designers showed their wrk in other venues in the city centre thanks to our collaboration with Sharepopup.

CULTURa e formazione

Ogni anno selezioniamo un team di esperti chiamato DNA - Design Network Academy - con lo scopo di aiutarci a creare un programma di qualità per l'edizione successiva grazie ai loro suggerimenti. quest'anno abbiamo creato un programma molto ricco che consisteva in talks, conferenze, dibattiti, laboratori, attività per bambini, brainstorming sperimentali, presentazioni, colloqui per ottenere un posto come designer presso un'azienda locale, incontri tra soggetti che operano nello stesso settore, consulenze per sviluppo d'impresa. Naturalmente i temi girano attorno quello principale del design, ma in maniera ampia, con un respiro che ambisce all'innovazione coinvolgendo anche gli aspetti sociali, economici e produttivi, fino a dare strumenti utili per la prassi lavorativa a professionisti del settore. Abbiamo parlato di social design, futuro del design, artigianato e design, creazione di immagine digitale, sostenibilità e impatto del design, branding, design di cibo e stile di vita, microcredito per imprese, economia circolare e molto altro. 

CULTURe and learning

Each year we select a team of experts called DNA - Design Network Academy - with the goal of helping us create a quality based program with their hints for the coming edition. This year we had a very rich program consisting in talks, conferences, debates, laboratories, kids activities, experimental brainstormings, presentations, interviews for getting a creative job with a local business, meetings. Of course the subjects revolve around the theme of design, with a wide approach aiming to innovation and involving social, economical, productive aspects, as well as working instruments for professionals. We talked about social design, future of design, artisans and design, digital image, sustainability and impact of design, branding, design applied to food and lifestyle, circular economy and much more. 

Febbraio 2016. Il gruppo del DNA, Annalisa Rosso, Francesco Faccin e Francesco Zorzi coordinati da Valia Barriello, con i Bloodynose e Danila Paladino nella RKF, nostra sede. PHcredits: Bloodynose

Febbraio 2016. Il gruppo del DNA, Annalisa Rosso, Francesco Faccin e Francesco Zorzi coordinati da Valia Barriello, con i Bloodynose e Danila Paladino nella RKF, nostra sede. PHcredits: Bloodynose

NEGOZIO TEMPORANEO

Il quarto negozio temporaneo che abbiamo aperto in un solo anno, dimostra il nostro impegno nel seguire i nostri designers in tutto il processo dell'autoproduzione. L'ultimo step è infatti quello della vendita al pubblico, un test che tutti gli autoproduttori devono prima o poi superare, quindi fondamentale per sostenere il loro lavoro. Questa volta il negozio era nella galleria delle Murate, un altro bello spazio offerto dalla nuova location e realizzato in collaborazione con Florence Factory. Come già accennato, lavoro per Source fin dall'inizio, e sono stata felice di cogliere anche questa opportunità nella veste di autoproduttrice con il progetto "Arte da indossare". Sono felice di vedere il mio lavoro in così bella compagnia e credo che le immagini seguenti lo dimostrino bene. Dato che è impossibile nominare tutti i talentuosi creatori degli oggetti nelle foto, vi invito a guardare la mia pagina Facebook dove li troverete citati, così come nella rassegna stampa in basso.

TEMPORARY SHOP

Our fourth temporary shop in only one year is the evidence of our committment to following our designers in each step of their productions. The last one is selling to the public, a test that each designer needs to pass in order to make their work sustainable. This time the shop was located in the Galleria delle Murate, another nice place our new location offers, in collaboration with Florence Factory. As I already mentioned, I multitask for Source since the beginning, and was glad to join as a designer with my "Wearable Art" project. I'm so glad to see my work in such a great company and I think the following images show it very well. Since it's impossible to mention all the talented designers whose great products you can see in the pics, please go to my Facebook page to find more captions, descriptions and credits. 

ringraziamenti

Impossibile nominare tutti i designer, collaboratori, professori, musei, professionisti, consorzi, studenti, gruppi di persone, tirocinanti, volontari, istituzioni pubbliche, banche, media partners, istituzioni private, fondazioni, aziende, sponsor, mascotte, università, esperti, giornalisti, associazioni, artigiani, architetti, consulenti, creativi, ufficio stampa, startup, hub, amici e anche visitatori che hanno aiutato a far crescere il nostro lavoro anno dopo anno, ad aumentare i contatti, il valore, le idee, le contaminazioni. E sono anche sicura di aver dimenticato molto, per questo rimando al sito, esaustivo, di Source, self-made design. Ma quello che tutti meritano è un grande grazie! Perchè sappiamo bene che per essere creativi ci vuole coraggio. 

thank yous

It is impossible to mention all the designers, collaborators, professors, museums, professionals, consortiums, students, groups of people, trainees, volunteers, public institutions, banks, media partners, private institutions, foundations, businesses, lovely sponsors, mascottes, universities, experts, journalists, associations, artisans, architects, counselors, creatives, press office, startups, hubs, friends and even visitors that helped our work to grow rich in contacts, values and ideas one year after the other. You can read those names in the website of Source, self-made design. But what is sure is that they really deserve a big thank you! Because we do know that creativity takes courage.

stampa

Vuoi approfondire? Ecco una parte di rassegna stampa con link a tanti siti con articoli interessanti, belle foto, e interviste. 

PRESS

Curious to know more? Here is a part of our press review with many links to sites talking about us with nice pics and interviews.  

ARCHIPORTALE - AD - DOMUS LA CASA IN ORDINE, PROGRAMMA - ZERO - CASABELLA - CONTRORADIO, INTERVISTA A STEFANO MICELLI - ABITARE LA CASA IN ORDINE, INTERVISTA A ROBERTO RUBINI - CONTRORADIO, INTERVISTA A ROBERTO RUBINI - - LA REPUBBLICA, FIRENZE - CONTRORADIO PRESENTAZIONE EVENTOSOCIAL MEDIA MANAGERPROFESSIONE ARCHITETTO - LA CASA IN ORDINE, 4 EDIZIONE - - PORTALE GIOVANI FIRENZEITALIA 7CONTRORADIO, BLOG, SPAZI IN DISUSOARTE MAGAZINEARTRIBUNE, INTERVISTA A ROBERTO RUBINIARTRIBUNE, FESTIVALICON DESIGNPASSIONE DESIGNTOSCANA DAYLA NAZIONELA CASA IN ORDINE, AAA CERCASI - BLOGO

e infine UN PERSONALISSIMO GRAZIE agli operativi

Manuel Marin (operativo nonostante il dottorato), Valia Barriello (un'adozione felice che ora include due patati), Oliviero Martini alias Mr Ollivander (troverà nel suo negozio la bacchetta magica che fa per voi), Gaia Colusso (basta guardare questa donna per essere calmi e sul pezzo), Anna Santini (altrimenti detta La Santa, disponibile carina sorridente anche quando i corrieri arrivano in 20 nello stesso secondo), Giacomo Garziano (you know you rock!), Ottavia Barone (sempre presente), Federica Zombi (una garanzia per bravura e gentilezza), Giovanni Bartolozzi, Massimiliano Ravidà, Simone Passaro (riconfermatissimi! grazieeee!), Camilla e Pilar di OMA (per il supporto personale, anche quando il cellulare con gran tempismo si tuffa in acqua), Laura DeBenedetto (anche lei per l'affettuoso supporto), Massimiliano Cosi, Giuseppe Digennaro, Salvatore Graziani (ma com'è bello quel video!!! e non solo quello), Sara Chiarello (per essersi sempre più avvicinata al nostro gruppo durante l'evento), Maria Zipoli (a cui mancava un gruppo con energia e visione e dice di averlo trovato in noi), Lorenza Soldani (per la gestione della mostra parallela e per aver lasciato uno stipendio in negozio), Marcello Benevento (DJ ufficiale), alle amiche di RKF (una risposta ad ogni esigenza)... L'avevo detto che erano troppi.

Ma...chi ho dimenticato? Ah ecco, il project manager Roberto Rubini per aver immaginato e reso possibile tutto questo (ma come hai fatto!?!).

Milano Design Week 2016 - pics

Come avrete già letto nell'invito che ho postato la settimana scorsa, ho portato l'Arte da Indossare alla Milano Design Week. Per la seconda volta (la prima è stata con il temporary shop Via Maggio a Firenze) ho unito il lavoro con Source, self-made Design con quello di artista e autoproduttrice. E' infatti grazie al progetto Arte da Indossare che sono ufficialmente entrata nel mondo dell'autoproduzione, con la piccola collezione di sciarpe e abiti da me ideata e prodotta, che usa le mie opere come stampa.

As you might have already read in the invitation I posted last week, I showcased my Wearable Art during the Milano Design Week. For the second time (the first was our temporary shop Via Maggio in Florence) I combined my work with Source, self-made Design, with that of artist and independent producer. And it's with the Wearable Art Project that I became an active member of the indepentend production world, with a little collection of scarves and dresses using my designs as patterns.

Source ha arredato un loft milanese in zona Porta Romana con le opere di 33 designers, come se si trattasse di una casa abitata da un proprietario amante dell'autoproduzione. Durante la settimana sono stati organizzati eventi di vario genere, parlando di internazionalizzazione con BLB studio legale (e gli avvocati si sono poi messi ai fornelli per preparare la cena), presentando la APP di Source scaricabile sia per Android che Mac realizzata in collaborazione con Florence Factory e contenente informazioni sul lavoro di Source e una capsule collection di 10 oggetti selezionati per lo shop dell'Hotel Plaza Lucchesi a Firenze. Hanno collaborato Cascina Cuccagna, Funghi Espresso, Caffè Corsini, Primato Pugliese e concluso con Dj set con Marcello Benevento.

Source decorated a rad flat in the surroundings of Porta Romana with the work of 33 designers, as if its owner was a lover of indie design. During the week we talked about internationlization with BLB legal firm, presented the Source APP, available for Android and Mac, developed with Florence Factory and showcasing a capsule collection of 10 objects selected for the corner shop inside the Hotel Plaza Lucchesi in Florence. We collaborated with Cascina Cuccagna, Funghi Espresso, Caffè Corsini, Primato Pugliese and ended with a dj set by Marcello Benevento.

L'autoproduzione diventa sempre più interessante e di qualità pari se non superiore a quella industriale. Senza l'aiuto di altri creativi, non avrei mai trovato un appendiabiti così elegante per mostrare le sciarpe e gli abiti. Si chiama MODO ed è il lavoro di Maria Laura Sala e Ambra Pisati di Artful Design.

Indie design has grown more and more interesting and its quality equals, if not exceeds, the industrial one. Without the help of other creatives, I could never have found such a great and smart stand for my dresses and scarves. It is called MODO, and it's the work of Maria Laura Sala and Ambra Pisati aka Artful Design

Ecco alcune foto del nostro APPartamento.

Here are some pics from the APPartamento.

12994432_10207763952208052_1284903860698106620_n.jpg

In un posto così, potevano non venire i giornalisti? E infatti ne sono venuti molti, che ringraziamo per essere passati e aver scritto di noi rendendo questa edizione del Fuori Salone ancora più speciale.

So many thanks to all journalists and bloggers that had the occasion to step by and write about us, thus making this edition a special one.

Siamo sul cartaceo di La Repubblica, Donna Moderna, Il Giornale, mentre onlinehanno scritto di noi La Repubblica.itElle DecorMy life in a bag,  Casa FacilePlatform architecture and designMoma StyleWe Make a Pair , Il Design QuotidianoFuori Salone, Milano Eventi, Zero,  Arte.it,  Evensi, MediaKey.it, e il media partner di Source, La casa in ordine, di Anna Caldera alla quale va un ringraziamento speciale. 

Pics from Temporary shop Source Via Maggio 53/r

SOURCE VIA MAGGIO 53R  (190).jpg

Per chi non avesse fatto in tempo durante l'indaffarato periodo delle feste a fare un salto al negozio temporaneo di Source self-made design, ecco una rapidissima carrellata di immagini che colgono lo stile del luogo.

For those who couldn't find some time to step by during the busy holiday time, here is a gallery with some pics expressing the style of the place.

Il negozio è rimasto aperto per poco più di un mese e presentava il lavoro di una cinquantina di autoproduttori italiani e anche qualche designer straniero. Prodotti originali e unici che difficilmente si trovano nei negozi.

The shop has been open for a month and showcased the work of fifty Italian and international designers. Unique and original products you rarely find in shops. 

Alcune di queste creazioni le avete già viste durante l'evento di settembre, ma molte erano completamente nuove e scelte appositamente per l'occasione. 

Some of these creations have been showcased during the event in september, but many were completely new and were chosen for the shop.

Oggetti per la casa, per la tavola, lampade, gioielli in carta, porcellana o gomma, capi d'abbigliamento, mobili, giochi, borse, accessori, libri. 

Objects for the home, for the table, lamps, paper, porcelain or rubber jewels, pieces of furniture, games, bags, accessories, books.

Tutto realizzato con materiali eccezionali, come marmo di Carrara,  vetro di Murano, cotone e lino, pietra lavica, polvere di marmo, ceramica, legno, gomma, cartone.

Everything made out of gorgeous materials like Italian marble, Venetian glass, cotton and linen, lavic stone, marble powder, ceramics, wood, rubber, cardboard.

Come avevo accennato in un post precedente, in questa occasione ho partecipato sia come staff di Source, che come artista, con il mio progetto Arte da Indossare.

As I already mentioned in a previous post, on this occasion I joined the event both as part of the staff of Source and as an artist, with my Wearable Art project.

E' stato  un piacere essere parte di una compagnia così straordinaria di creativi e se siete curiosi di conoscerli potete trovare molte informazioni sul sito di Source.

I loved joining such a great company of creatives and if you are curious to learn their names you can visit the Source website.

Come forse già saprete il progetto Arte da indossare è partito con la stampa di opere in acquerello e inchiostro e illustrazioni digitali su tessuto. Con la stoffa sono state realizzate delle sciarpe in modal e cachemere e miniabiti in cotone che si potevano acquistare in negozio ma che potete trovare online qui. Infine gli Orecchini Botanica sono la ciliegina sulla torta.

As you already might know, the Wearable Art project has kicked off with printing watercolor and ink artworks or digital illustrations on textiles, and the textile have been used to create scarves (modal and cachemere) and minidresses (cotton) that you could buy in the temporary shop but you cal also buy online here. Not to mention the Botanica Earrings, a very appreciated gift!

Durante Source Via Maggio 53/r sono anche stati presentati degli orecchini che però non sono ancora presenti nel mio negozio online. una delle ragioni per cui non ci sono è che sono tutti diversi!

During Source via Maggio 53/r also a series of earrings was on sale, but they are not yet available in the shop. One of the reasons why they are not, is that they are all different from one another!

SOURCE VIA MAGGIO 53R  (146).JPG

Cosa reputo importante di questa esperienza? Il segnale, piccolo in quantità ma non in qualità, che l'autoproduzione, accende la curiosità e va incontro ai gusti delle persone. Così i nostri oggetti autoprodotti sono volati in tutto il mondo, acquistati dai tanti turisti che popolano le vie di Firenze. 

What I valued most of this experience? The message that self made design stimulates curiosity and is a good fit for people's tastes. And the fact that our self made object were bought from turists and flew across the world.

Ecco un motivo in più per pensare che la creatività Italiana (e non solo), ha trovato qui una casa, un luogo dove appoggiarsi per poi ripartire più forte di prima.

And this is another reason to think that creativity has found its place in Source.

Per non dire che molte persone ci hanno fatto i complimenti per la qualità dei prodotti e si sono lamentati perché chiudevamo a gennaio! Ha! Questo mi ha fatto piacere.

Not to mention that so many people complimented on us for the quality of the goods and complained because we were bound to close on january! Ha! How I loved this. 

Così immagino che ci dovrà essere una seconda puntata. Che ne dite ragazzi?

That's why we need a follow up. What do you think?

Dresses

You already know from my previous posts I'm experimenting with textiles. But I had no time to tell you that my dresses are ready and that I'm really happy with the results. I've been wearing them during the last weeks and it's a great sensation to wear something that you created. It is so personal and unique. They drape well, the cotton is 100% organic and they can be used bare legs or with leggins. These dresses will be made to order. Do contact me here if you are interested. Thanks!

Avevo già raccontato in altri post che sto sperimentando con i tessuti. Ma non ho avuto tempo di dire che i vestiti sono pronti e che sono molto felice dei risultati. Li ho indossati durante le ultime settimane ed è una gran bella sensazione indossare qualcosa che si è creato da soli, così personale e unico. La stoffa è 100% cotone naturale, cade bene e i capi possono essere utilizzati come un abito o con i leggins. Questi abiti saranno fatti su ordinazione. Contattami qui sei interessata. Grazie!

READ MORE

WEARABLE ART

Experimenting with textiles

The sewing

As I told you in a previous post, my summer experiment is textile fun. After years of people telling me things like "Why don't you create textiles with your designs" I finally decided and found some time to give it a try, and with the help of dear friends and b-testers I finally came up with something similar to a double collection and ordered some fabric.

Come vi ho detto in post precedente, il mio esperimento estivo è stato il tessuto. Dopo essermi sentita dire per anni cose come "Ma perchè non crei tessuti con i tuoi disegni?" mi sono finalmente decisa e ho trovato un po' di tempo per provare. Così, con l'aiuto di care amiche e b-testers affezionate, ho creato una specie di doppia collezione e ordinato la stoffa.

When I received my parcel with the textiles, I was so happy and proud I couldn't wait to go to the seamstress and get them done. It is a double collection since my interest has doubled last year: beside my beloved watercolor paintings, I fell in love with digital illustration, a creative field completely new to me but with endless potentialities.

Quando ho ricevuto il pacco con i tessuti, ero così felice e orgogliosa che non vedevo l'ora di portarli a cucire. E' una doppia mini-collezione perchè il mio interesse è raddoppiato l'anno scorso: oltre agli amati acquerelli, mi sono presa una sbandata per l'illustrazione digitale, tecnica completamente nuova per me ma con potenzialità interessanti.

As you might have noticed, during the last months I have posted in this blog some of my illustrations of a project called "The Year of the Goat". It is a sort of illustrated diary of the current year, wich is the year of the goat according to Chinese traditional horoscope. I thought the series of illustrations was perfect for creating a small collection of objects and ordered a dress, a t-shirt, a bag, a purse and two scarves.

Come avrete potuto notare, ho postato alcune illustrazioni in questo blog durante i mesi scorsi di un progetto a cui ho lavorato che si chiama "The Year of the Goat". E' una sorta di diario illustrato dell'anno corrente, l'anno della capra secondo l'oroscopo tradizionale cinese. Ho pensato che la serie di illustrazioni fosse perfetta per creare una piccola collezione di oggetti e così ho ordinato un vestito, una maglietta, una borsa, un borsellino e due sciarpe.

But I could not neglect my first love, and since I had recently created a summer inspired series of watercolor paintings called DROPS, I ordered another amount of textile with these designs.

Ma non potevo trascurare il mio primo amore, e dato che ho appena creato una serie di acquerelli ispirati all'estate chiamati DROPS, ho ordinato del tessuto anche con quelli. 

I will show you soon what came out of the sewing, but I can already tell you that I'm so happy to have found such expert hands to help me. They belong to G. and she's a wonder.

Vi mostrerò presto i risultati, ma posso dire fin da subito che sono felice di aver trovato mani esperte ad aiutarmi. Appartengono a G. e lei è un portento.

Starting a new adventure

It all started three years ago. People kept telling me that. Friends insisted. Visitors at my exhibitions suggested it. It had become a sort of mantra and you cannot ignore something that's constantly returning, entering into your ear and planting a seed in your brain. It was "Why don't you create textiles?" or "Your work would be amazing printed on cotton" and my friend Lucia always went "I'd love to have a coat with that design". So I started thinking this could really be an idea, and sometimens asked other friends their opinion. As time passed by, I had other projects to accomplish, and no time left for this, neglected one. Still, I kept playing with the idea and kept on putting it in my to-do list. When I managed to gather some professional encouragement, I said to myself it was time to do something. And finally, after a long time, I managed to order some swatches. When I got the parcels in the mail I was really excited to see what I could come up with and looked at the fabrics over and over again, I kept them with the books on my bedside table and "read" them before going to sleep. I had another creative opportunity ahead, but it could not begin without another round of questions and answers from my circle of dear friends. I especially valued the help from my very talented friends and even their mothers! Only two weeks after the order was made. And I cannot tell you how curious I've been for a couple of weeks to see them in person. Now here they are. Next step: the sewing.

E' cominciato tutto tre anni fa. La gente continuava a ripetermelo. Gli amici insistevano. Le persone che visitavano le mostre lo suggerivano. Era diventato una specie di mantra, e non si può ignorare qualcosa che ritorna costantemente, che ti entra nell'orecchio e si pianta come un seme nel cervello. Era "Perchè non crei tessuti?" oppure "Il tuo lavoro starebbe benissimo stampato su stoffa" e la mia amica Lucia ripeteva "Voglio un cappotto con questa stampa". Così ho cominciato a pensare che potesse essere davvero un'idea, e a volte chiedevo ad altri amici la loro opinione. Mentre il tempo passava, avevo altri progetti da portare avanti, e niente tempo da dedicare a questo. Ma ogni tanto mi ritrovavo a cullare l'idea e inserirlo nella mia lista di cose da fare. Quando ho ricevuto anche qualche incoraggiamento professionale, ho detto a me stessa che era giunto il tempo di fare qualcosa. E finalmente, dopo tanto tempo, sono riuscita ad ordinare dei provini. Quando ho ricevuto il pacco ero davvero felice di sapere che cosa avrei potuto creare e guardavo sempre i tessuti, li tenevo sul comodino con i libri e li leggevo prima di andare a dormire. Avevo una nuova opportunità creativa davanti a me e non poteva cominciare senza un'altro giro di domande e risposte, consigli e suggerimenti con le mie amiche b-testers, e perfino delle loro madri!  E ora eccoli qui. Prossimo passo: cucire.

READ MORE

WEARABLE ART

Experimenting with textiles